LAZIO-SALISBURGO: LE MIE PAGELLE

Strakosha 6: incolpevole su entrambi i goal. Quando se trova Berisha sul dischetto, pensa che sia ‘no scherzo acchittato da Grigioni, er preparatore dei portieri. Quando capisce che nun è Etrit, però, è troppo tardi.

Luiz Felipe 7: ha fatto ‘a cresima un par de mesi fa ma c’ha er piglio agonistico de uno che gioca in Europa da quando se chiamava ancora Coppa UEFA.

De Vrij 7: una certezza. Come lo spaghetto ajo, ojo e peperoncino a mezzanotte in certe serate d’agosto.

Radu 6,5: le sue scivolate quando prende prima er pallone e poi l’avversario sotto la Tevere sono uno dei motivi per cui vale la pena venire allo Stadio.

Basta 6,5: serve a Lulic la palla del vantaggio laziale e provoca il rigore del pareggio. In pratica, se se faceva i cazzi sua, er primo tempo finiva zero a zero. Esce per sopraggiunti limiti d’età.

Parolo 7,5: quando segna de tacco e i compagni je chiedono come ha fatto, lui, memore delle partite a FIFA giocate in ritiro, risponde con il suo solito candore: “ah rega’, nun lo so…io ho spinto i tasti a caso!”

Leiva 7,5: impreziosisce il centrocampo della Lazio come gli alberghi messi a Parco della Vittoria quando giochi a Monopoli. Lo strappo e l’assist con cui costruisce er go’ de Immobile valgono da soli il prezzo del biglietto.

Milinkovic-Savic 6: se specchia un po’ troppo come Tony Manero prima de anna’ in discoteca.

Lulic 7,5: er go’ suo de piattone ormai andrebbe registrato alla SIAE. Gioca una partita mostruosa per grinta e agonismo e vaga per il campo seguendo la tattica Max Pezzali “Nord Sud Ovest Est”. E forse un altro Senad neanche c’è.

Luis Alberto 6,5: l’assist pe’ Parolo è perfetto come certi autogo’ de De Rossi.

Immobile 7: vole er go’ co’ la stessa fame chimica de quando te avventi alle due de notte sul frigorifero alla ricerca degli avanzi della cena della sera prima. Dopo il gol del 4-2 strattona Inzaghi urlandoje “Guarda che per il regalo tuo ho messo i soldi pure io, ma Senad nun m’ha fatto firma’ er bijetto!”

Anderson 7,5: parte da centrocampo, se beve mezza Red Bull e riporta la Lazio in vantaggio. Poi dicono che le bevande energetiche fanno male.

Patric 7: entra in partita co’ la foga de quello che imbocca in discoteca alle due de notte dopo esse annato in bianco pe’ tutta la sera.

Caicedo ng: entra giusto in tempo pe’ costringe er portiere avversario a para’ de capoccia.

Inzaghi 7,5: nel giorno del suo compleanno si regala una vittoria che riempie il cuore della gente Laziale. La doppia mossa Patric-Anderson cambia il match e permette di guardare con fiducia al ritorno in Austria. L’abbraccio-aggressione subita da Immobile dopo il quarto goal è il termometro di ciò che è lo spirito di questa Lazio. Una squadra più forte del suo Destino.

Lo Stadio 10: datemi uno Stadio di 40000 avvelenati come ieri e conquisteremo il mondo. Perché quando squadra e tifosi diventano un tutt’uno, i goal vengono da soli.

AVANTI LAZIO

AVANTI LAZIALI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...