INTER-LAZIO: LE MIE PAGELLE

Strakosha 7: sicuro come un posto de blocco fori ‘na discoteca er sabato sera.

Bastos 7: i secondi intercorsi tra il suo colpo di testa all’indietro e il mancato autogoal so’ stati lunghi come un “lanimadelimejomortaccitua”. Però tutto è bene quel che finisce bene. E di lui resta il ricordo di una gran partita.

Acerbi 7,5: gioca talmente sull’anticipo che lui, a Milano, era salito venerdì co’ la macchina sua.

Luiz Felipe 7: sui primi tre rinvii te viene er dubbio che se sia infilato du’ scarpini sinistri. Poi azzecca er primo tackle e se fomenta manco fosse Rambo in Vietnam. A un certo punto se guarda Perisic e je fa: “Ivan, sono io che vengo a prenderti!”

Romulo 6,5: prima serve a Luis Alberto il pallone da cui nasce il goal della Lazio. Poi passa la partita a innervosi’ Perisic chiedendoje se j’avanza un doppione de Mauro Icardi perché così finisce l’Inter.

Milinkovic-Savic 8: er Sergente sceglie la Scala del calcio per giocare la sua migliore ‘nuova’ partita: meno apparenza, ma più presenza e solidità. Pare che Brozovic, dopo esse stato bullizzato sur go’, sia andato a piagne da mamma. È l’Ibrahimovic dei centrocampisti.

Leiva 8: è il Generale cantato da De Gregori. Solo che lui più che dietro la collina, preferisce stare ancora in trincea. Il leader mentale di una squadra finalmente matura e consapevole delle proprie qualità: “Generale, la guerra è finita. Il nemico è scappato, è vinto, è battuto”.

Luis Alberto 7: il cross per Milinkovic non è un semplice assist. È un bacio Perugina cor bijettino firmato Mara Maionchi che dice: “Tiè, mo’ vedi che poi fa’!”

Parolo 6,5: “Me devi fa’ filtro a centrocampo” je chiede Inzaghi. E allora lui prende un pezzetto de cartoncino e se mette a rolla’ in mezzo ar campo.

Lulic 7: Inzaghi je dice de tampona’ D’Ambrosio e Politano e lui allora gioca tutta la partita co’ er modulo der Cid dentro i pantaloncini.

Durmisi ng: cinque minuti ma solo perché pure lui aveva messo i soldi der campo.

Correa 6,5: qualche strappo dei suoi ma poi se strappa alla schiena. Ed è costretto alla resa.

Caicedo 6,5: io ogni volta che lo vedo ripenso a lui che lascia sur posto Fazio, se beve Olsen e la mette in porta de sinistro. E je do in automatico mezzo voto in più.

Immobile 7: non è la sua partita ma tiene su la squadra e nel finale guadagna minuti fondamentali con le ripartenze e qualche fallo subito. Se sacrifica come l’abbacchio a Pasqua.

Inzaghi 8: non serve cambiare modulo per cambiare modo di giocare. La sua Lazio è un piccolo gioiello fatto di tecnica, grinta e spirito di sacrificio. Che nel cambio De vrij-Acerbi ha la giusta chiave di lettura di questa stagione. Fori uno con l’Iban tatuato sur collo e dentro uno che mette sempre er core in tutto quello che fa.

De vrij 4: tocca aggiunge altro che nun sia già stato detto? Ah sì: c’hai er core de latta.

Candreva 8: entra a dieci minuti dalla fine, sbaja come ar solito tutti i cross che po’ sbaja’ e fa tre falli fondamentali pe’ facce perde tempo. Mai stato così Laziale come oggi.

Caressa 10: “La Lazio finalmente batte una grande!” Bergomi: “Ma Fabio, la Lazio ha battuto la roma!” Lui: “Sì, ma la roma non è più una grande…” Eh niente, ‘sto periodo Caressa ce regala più occhiaie de Pornhub.

AVANTI LAZIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...